Modellismo dal 1919

Carrello:

0 articoli - 0,00 €
Non ci sono articoli presenti nel carrello.

0

Altre viste

Aedes Ars 1271

Disponibilità: Disponibile

65,00 €

Breve descrizione

Faro di Alessandria d'Egitto
O

Dettagli

Faro di Alessandria, Egitto.
III ac Secolo.

Scala 1:375. 
Grado di difficoltà 7.5/10. 
Dimensioni (mm) 340 x 340 x 365.

Il monumento e la sua storia

Il Faro di Alessandria, a volte chiamato Pharos di Alessandria (in greco antico, ὁ Φάρος τῆς Ἀλεξανδρείας), era una nobile torre costruita dal regno tolemaico tra il 280 e il 247 aC e tra 393 e 450 piedi (120 e 137 m) di altezza, era una delle strutture artificiali più alte sulla Terra per molti secoli ed era considerata una delle Sette Meraviglie del Mondo Antico. Gravemente danneggiato da tre terremoti tra il 956 e il 1323, divenne una rovina abbandonata. Fu la terza più antica meraviglia sopravvissuta (dopo il Mausoleo di Alicarnasso e la Grande Piramide di Giza ancora esistente) finché nel 1480 l'ultimo dei suoi resti di pietra fu usato per costruire la Cittadella di Qaitbay sul sito. Nel 1994, gli archeologi francesi scoprirono alcuni resti del faro sul pavimento del porto orientale di Alessandria.
Pharos era una piccola isola appena al largo della costa occidentale del Delta del Nilo. Nel 332 aC, quando Alessandro Magno fondò la città di Alessandria su un istmo opposto a Pharos, fece sì che l'isola fosse unita alla costa da una talpa [2] lunga quasi un miglio (1260 m) chiamata Heptastadion ("sette stadi "-un stadio era un'unità greca di lunghezza che misura circa 180 m). Il lato est della talpa divenne il Grande Porto, ora una baia aperta; sul lato ovest si trova il porto di Eunostos, con il suo bacino interno Kibotos, ora enormemente ampliato per formare il porto moderno. Lo sviluppo della città di oggi tra l'attuale Grand Square e il moderno quartiere di Ras al-Tiin è costruito sul limo che gradualmente ha ampliato e cancellato questa talpa, e Ras al-Tiin rappresenta tutto ciò che rimane dell'isola di Pharos,
Il faro fu costruito nel 3 ° secolo aC. Dopo che Alessandro Magno morì di febbre all'età di 32 anni, il primo Tolomeo (Tolomeo I Soter) si autoproclamò re nel 305 aC e ne incaricò la costruzione poco dopo. L'edificio fu completato durante il regno di suo figlio, il secondo Tolomeo (Tolomeo II Filadelfo). Ci sono voluti 12 anni per completare, per un costo totale di 800 talenti, e servito come prototipo per tutti i fari più tardi al mondo. La luce è stata prodotta da una fornace nella parte superiore e si dice che la torre sia stata costruita principalmente con blocchi di pietra calcarea. Strabone riferì che Sostrato aveva una dedica inscritta in lettere di metallo agli "Dei del Salvatore". Più tardi Plinio il Vecchio scrisse che Sostrato era l'architetto, che è contestato. Nel secondo secolo dC il satirico Luciano scrisse che Sostrato incise il suo nome sotto un intonaco con il nome di Tolomeo. Fu così che quando il gesso con il nome di Tolomeo cadde, il nome di Sostratus sarebbe visibile nella pietra.
Judith McKenzie scrive che "Le descrizioni arabe del faro sono straordinariamente coerenti, anche se sono state riparate un certo numero di volte soprattutto dopo i danni del terremoto. L'altezza che danno varia solo del 15% da 103 a 118 metri, su una base 30 ca. 30m quadrati ... gli autori arabi indicano una torre con tre gradini affusolati, che descrivono come quadrati, ottagonali e circolari, con una rampa notevole ". 
La descrizione più completa del faro arriva "dal viaggiatore arabo Abou Haggag Youssef Ibn Mohammed el-Balawi el-Andaloussi, che visitò il Pharos come turista nel AH 561 (AD 1166 d.C.)."
Costruita da grandi blocchi di pietra chiara, la torre era composta da tre fasi: una sezione quadrata inferiore con un nucleo centrale, una sezione centrale ottagonale e, nella parte superiore, una sezione circolare. Al suo apice era posizionato uno specchio che rifletteva la luce del sole durante il giorno; un fuoco era acceso di notte. Le monete romane estese colpite dalla zecca alessandrina mostrano che una statua di un tritone era posizionata su ciascuno dei quattro angoli dell'edificio. Una statua di Poseidone o Zeus si ergeva in cima al faro. I blocchi in muratura di Pharos erano collegati, sigillati insieme usando piombo fuso, per resistere al martellamento delle onde.

Nel 796, il faro potrebbe aver perso il livello superiore, che apparentemente è andato senza riparazione per circa un secolo. Ci sono rapporti che Sultan Ahmad ibn Tulun (868-884) costruì una moschea con una cupola al posto del livello superiore, ma questo sembra essere in conflitto con il geografo itinerante Muhammad al-Idrisi che riferisce che la struttura funzionava ancora come un faro sul suo visita nel 1115 d.C.

Il faro fu gravemente danneggiato dal terremoto del 956, e poi ancora nel 1303 e nel 1323. I due terremoti del 1303 e del 1323 danneggiarono il faro tanto che il viaggiatore arabo Ibn Battuta riferì di non essere più in grado di entrare nella rovina (quando visitato nel 1349) [citazione necessaria]. Alla fine il rimanente tozzo scomparve nel 1480, quando l'allora Sultano d'Egitto, Qaitbay, costruì una fortezza medievale sulla piattaforma più grande del sito del faro usando alcune delle pietre cadute.
Gli archeologi francesi guidati da Jean-Yves Empereur scoprirono i resti del faro alla fine del 1994 sul pavimento del porto orientale di Alessandria. Alcuni di questi resti sono stati allevati e sono stati esposti al porto in vista pubblica alla fine del 1995. Un programma Nova (serie TV) ha descritto la scoperta. [1] [9] Le successive immagini satellitari hanno rivelato ulteriori resti. È possibile fare immersioni e vedere le rovine. Il segretariato della Convenzione dell'UNESCO sulla protezione del patrimonio culturale subacqueo sta attualmente collaborando con il governo egiziano su un'iniziativa per aggiungere la baia di Alessandria (per includere i resti del faro) a una lista del patrimonio mondiale di siti culturali sommersi.
Pharos divenne l'origine etimologica della parola "faro" in greco (φάρος), persiano (Fānūs - فانوس), molte lingue romanze come francese (phare), italiano e spagnolo (faro), rumeno (lontano) e portoghese (farol) e persino alcune lingue slave come il bulgaro (lontano). In russo, una parola derivata significa "faro" (fara - фара). 
Nel 2008 è stato suggerito che il Pharos era il metro verticale utilizzato nella prima misura precisa della dimensione della terra.

 

 

Ulteriori informazioni

Produttore AEDES
Scala treno 1:375
Binario No

Tag prodotto

Usa gli spazi per tag separati. Usa apostrofi singoli (') per frasi.

Prodotti Correlati

ISCRIVERTI A UN’ALTRA NEWSLETTER?
  FIDATI, NE VALE LA PENA!
 
News sugli ultimi modelli e sulle promozioni attive
Il 5% di sconto per te sul primo acquisto online
Coupon::
I dati personali da Lei forniti sono utilizzati al solo fine di inviare la newsletter e non saranno comunicati a terzi.